ALTRO CHE “ADESSO BASTA”: NUOVO FURTO, STAVOLTA AL FRATELLO DI UNA PRECEDENTE DERUBATA

ladro-piede-porco-furto-rapina

BALLABIO – Stessa casa, stessa ora, identiche modalità. Alla faccia di chi pensa di avere sistemato la questione sicurezza, la stessa ampiamente sbandierata in campagna elettorale dalla attuale maggioranza in Comune. Succede che, sempre intorno alle 17, qualcuno si introduca nelle case dei ballabiesi rubando e devastando. Questa volta in via Cinturino, come anche qualche settimana fa. Addirittura nello stesso edificio di un precedente “colpo”, nell’appartamento del fratello di una persona derubata a dicembre.

Nello specifico, il blitz dei ladri è avvenuto ai danni dell’abitazione di un artigiano ballabiese, la cui sorella era stata vittima di un furto del tutto simile lo scorso 14 dicembre, nelle adiacenze della via che dalla Provinciale sale verso Ballabio Superiore. In questo caso, pare che il bottino sia stato leggermente inferiore nelle dimensioni, ma resta il fastidio di chi è stato colpito – accanto alla preoccupazione generale per una ondata di delinquenza “predatoria” che non accenna a diminuire malgrado le tante manifestazioni di intenti e una serie di azioni che però ad oggi non hanno portato a nulla di concreto, anzi.

Da segnalare l’accortezza di questi ladri, capaci di “marcare a uomo” le loro prede: l’appartamento preso di mira ieri era stato presidiato praticamente per tutto il giorno, salvo proprio all’ora in cui è stato perpetrato il colpo dei soliti ignoti. Il figlio del proprietario poi è uscito, e giusto in quel momento i ladri sono entrati in casa per rubare. Abili, ma ripetitivi: l’ora è sempre quella, verso le cinque del pomeriggio e anche le zone nel mirino appaiono “seriali”. Eppure questa banda – probabilmente sempre gli stessi malfattori – riesce puntualmente nel suo intento. Sembra che ieri i criminali siano stati in qualche modo disturbati da vicini o passanti, ma la loro “opera” è stata comunque portata a compimento. E successivamente, come sempre denunciata alle autorità competenti.