GUIDAVA L’AUTO NELLA QUALE TROVÒ LA MORTE L’AMICO 21ENNE: PATTEGGIA DUE ANNI E 4 MESI

PROCESSO-CAUSA-CIVILE-GIUSTIZIA-LOGO-giustizia

alex crippaLECCO – Ha patteggiato in tribunale a Lecco una pena di due anni e 4 mesi (ricevendo dunque uno ‘sconto‘ sulla condanna pari a un terzo del totale) Nicola G., lecchese all’epoca dei fatti ventenne che nella notte tra il 22 e il 23 giugno dello scorso anno era alla guida della Volkswagen Polo capottata sulla ‘vecchia’ Lecco-Ballabio. Nel drammatico incidente avvenuto a poca distanza dalla “curva di Pomedo” perse la vita il suo migliore amico Alex Crippa di Belledo, 21 anni [nell’immagine a destra].

Il conducente, che guidava in stato di ebbrezza alcolica, al momento del sinistro indossava la cintura di sicurezza che lo ha salvato a differenza della vittima (tra l’altro il suo migliore amico).

Il giovane lecchese, assistito dallo studio dell’avvocato ballabiese Fabrizio Goretti, ha patteggiato la condanna per omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza nell’udienza avanti il Gup Salvatore Catalano (PM Andrea Figoni, succeduto nel ruolo a Cinzia Citterio) .

A lato della pena, il risarcimento alla famiglia del giovane deceduto.

RedCro

Condividi sui Social!