BALLABIO: VIAGGIAVA SENZA CINTURA, PER LA SUA MORTE SCONTO DI PENA AL GUIDATORE UBRIACO

incidente-curva-anguriat-5-1 giada mornelli

LECCO – Giada Viola Mornelli non indossava la cintura di sicurezza quando J.G., alla guida di una Opel Adam, uscì di strada alla “curva dell’anguriat” sulla vecchia Lecco-Ballabio. La 22enne, estratta dalle lamiere già in gravissime condizioni, morì il giorno seguente all’ospedale di Lecco.

incidente curva anguriat (2)Lo scorso 23 luglio il gup Salvatore Catalano del tribunale di Lecco condannò a un anno, nove mesi e dieci giorni il 24enne monzese che la notte del 12 maggio 2018 guidava con un tasso alcolemico del 2,11 g/l, e nelle scorse ore è stata depositata la sentenza. I fascicolo conferma i fatti già noti e fa luce sulle motivazioni della condanna e sugli “sconti” che hanno ridotto la pena per omicidio stradale a poco più di 21 mesi, oltre al pagamento delle spese processuali e alla revoca della patente.

Il sostituto procuratore in udienza preliminare chiese due anni e sei mesi di pena per il conducente, la difesa invece scelse il rito abbreviato usufruendo dello sconto di un terzo della pena. Il magistrato è partito da una pena base di otto anni, ridotta quindi per il rito abbreviato, ulteriore riduzione dovuta alle attenuanti generiche (l’imputato era incensurato), e un ultimo sconto è dovuto al concorso di colpa perché, si legge nel dossier, “la vittima non indossava le misure di sicurezza”.

RedCro

 

DALL’ARCHIVIO

MORÌ PER IL SINISTRO ALLA “CURVA DELL’ANGURIATT”, CONDANNATO A 21 MESI IL GIOVANE ALLA GUIDA

GIADA, MORIRE A 22 ANNI SULLA LECCO-BALLABIO. QUEI “REGALI” ORIGINATI DA UNA TRAGEDIA

MORTA LA GIOVANE RIMASTA FERITA SABATO SERA NELL’INCIDENTE SULLA VECCHIA LECCO-BALLABIO

 

 

Condividi sui Social!