COVID, RIAPRONO LE RSA: TAMPONI E TEST AI NUOVI OSPITI, VISITE IN CASO DI PARTICOLARE NECESSITÀ

coronavirus-rsa-ridotta

MILANO – “Le strutture residenziali e semiresidenziali RSA e RSD possono riaprire in totale sicurezza: sono previsti test sierologici e tamponi per i nuovi accessi, la presa in carico in appositi centri Covid dei positivi, percorsi di screening e di formazione continua per gli operatori”: queste le parole pronunciate dall’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

Il commento arriva dopo la delibera approvata dalla giunta regionale in merito alla riapertura delle RSA–RSD in Lombardia e della disciplina delle attività di neuropsichiatria e di sostegno alle dipendenze a seguito dell’emergenza Covid.

“Abbiamo agito nella consapevolezza di dover trovare un equilibrio molto delicato – racconta Gallera – fra le esigenze delle famiglie di garantire ai propri cari un’adeguata presa in carico con le formule di assistenza necessarie e la necessità di mettere in sicurezza le strutture residenziali, semi residenziali e ambulatoriali con un’attenzione particolare alle situazioni di particolare fragilità degli ospiti”.

Le visite sono consentite solo in situazioni di particolare necessità e devono essere concordate e autorizzate dal gestore.

> ARTICOLO COMPLETO E NUOVE PROCEDURE su

https://www.lombardianotizie.online/riapertura-rsa/

 

 

Condividi sui Social!