RESINELLI, RISPONDE IL SINDACO CAPO CONVENZIONE: “PULIRE NON È OPTIONAL, SPESI 50MILA EURO”

azzoni-roberto-abbadia-600

Gentile redazione,
in merito all’articolo di stamattina sulle condizioni della pulizia strade e sulla mancanza di sicurezza a causa di una scarica di sassi, desidererei fare alcune considerazioni non per accendere la polemica ma per dare alcune informazioni in più. Nell’articolo si rimarcano due fatti; il primo, mancanza totale di “gestione” della nevicata; il secondo, una scarica di sassi in prossimità del Piazzale Daniele Chiappa. 

Come accade in occasione di ogni nevicata prevista, l’amministrazione capo-convenzione di Abbadia Lariana si è coordinata con la ditta che ha in appalto la rimozione della neve per un giro di salatura delle strade principali (quelle gestite direttamente dalla convenzione) avvenuta mercoledì sera. Giovedì all’inizio della nevicata lo spazzaneve era in azione fino al pomeriggio (10 cm di accumulo) quando poi le precipitazioni si sono trasformate in acqua. Dopo la ripresa convinta della nevicata nella notte, prima delle ore 7 di Sabato la ditta era operativa e le strade erano comunque perfettamente percorribili con le gomme termiche. Segnalata la scarica di sassi, peraltro derivante da un terreno privato, la carreggiata è stata completamente liberata e messa in sicurezza prima delle ore 10 con l’ausilio di due agenti di polizia locale di Abbadia Lariana che erano sul posto per verificare la sicurezza dell’area, gestire la viabilità e controllare l’accesso ai Piani Resinelli in regime di zona rossa.

Quindi, dato il titolo dell’articolo, la risposta è no. Pulire le strade non è un optional ma uno sforzo importante da parte di tutti gli attori in gioco, sia economico che gestionale. Questo nevoso inverno, il più nevoso degli ultimi 10 anni, ha già visto un impiego di oltre 50.000 euro per la rimozione della neve dalle strade in capo alla convenzione.

È indubbio, e ne do atto, che alcune criticità sull’area, date dalle difficoltà di gestione e soprattutto di controllo ci sono. Ci stiamo impegnando, in vista del rinnovo della convenzione che scadrà il 30 Giugno 2021, ad adottare delle strategie di gestione anche innovative per risolvere le problematiche note a tutti ma a volte obiettivamente esasperate. Aggiungo che nell’appalto di rimozione della neve per i Piani Resinelli (e per altre località montuose alpine), l’intervento di rimozione con pala o fresa viene attivato oltre i 10 cm di accumulo.

A disposizione per qualsiasi suggerimento per la gestione futura.

Roberto Sergio Azzoni
sindaco di Abbadia Lariana 

LEGGI ANCHE:

RESINELLI: SCARICA DI SASSI ALL’ULTIMO TORNANTE. PULIRE LE STRADE È OPTIONAL?