PSICOLOGIA: MASCHERINA E SINDROME “DELLA CAPANNA” O “DEL PRIGIONIERO”

Nei primi anni del 1900, durante l’epoca della corsa all’oro negli Stai Uniti, i cercatori erano costretti a permanere per lunghi mesi all’interno di una capanna durante il periodo dell’anno in cui potevano concentrare la loro attività. È stato testimoniato che queste persone si trovassero a vivere uno stato di isolamento al quale facevano seguito sentimenti di paura, rifiuto a tornare alla civiltà, sfiducia nel prossimo, stress e ansia.

Durante tutto il secolo scorso, e fino ai giorni nostri, questa medesima condizione è stata riscontrata nelle popolazioni del Nord America, dove i rigidi inverni costringono le persone a rinchiudersi in casa per lunghi periodi, al termine dei quali si rilevano diffusi stati di ansia e depressione che condizionano in modo significativo la ripresa delle consuete attività fuori casa…

>CONTINUA A LEGGERE su

Psicologia. Mascherina e sindrome della Capanna o del Prigioniero