LA MEMORIA/QUANDO LA LEGA CHIEDEVA “MIGRANTI AL LAVORO A BALLABIO”. MA ANCHE CON PONTIGGIA…

migranti-coe-lavoro-13

Risultati immagini per Ballabio NostraBALLABIO – Era novembre del 2014, un po’ dopo l’arrivo dei migranti ospitati nella ex casa delle suore sulla Provinciale, un po’ prima (sei-sette mesi circa) di quelle elezioni che avrebbero portato la “civica leghista” di Alessandra Consonni a conquistare il municipio ballabiese.

Proprio  la lista precedente – allora si chiamava “Ballabio Nostra“, insegne della Lega ben in vista – chiedeva alla giunta di adoperarsi per un “contributo in termini di lavoro da parte dei suddetti stranieri attualmente a carico del contribuente”.Risultati immagini per Crimella barbara

Curiosamente, a distanza di pochi mesi e assunte le vesti di sindaco, la stessa Consonni non ha fatto nulla di quanto chiesto a Pontiggia dalla sua (confermatissima) consigliera Barbara Crimella. Anzi, in più occasioni ha respinto l’ipotesi di far lavorare i richiedenti asilo presenti in una trentina di unità in paese.

Di seguito, gli appunti relativi a un consiglio comunale datato novemrbe 2014, con l’interrogazione di ‘Ballabio Nostra‘ e la risposta impegnativa del sindaco di quei tempi:
crimella pontiggia su stranieri al lavoro 2014
migranti coe lavoro - (12)Fin qui la contraddizione “in casa Lega” (prima, dall’opposizione si chiede di fare una cosa poi quando si assume il governo del paese non la si realizza). Ma pure i predecessori non è che abbiano brillato in termini di aderenza a quanto dichiarato in risposta alla Crimella. A parte qualche “spazzata” delle strade in particolare nei pressi delle scuole, la maggioranza di Pontiggia & C. ha svolto più che altro il suo “compitino”.

l

COMUNE DI BALLABIO – GRUPPO CONSILIARE BALLABIO NOSTRA
Interrogazione al sig. sindaco sulla opportunità di impiegare in attività socialmente utili gli stranieri ospitati in paese a spese del contribuente.
Per sapere, premesso
che, in attesa di vedersi eventualmente riconosciuto lo status di profugo, un gruppo di stranieri viene ospitato in una struttura del paese a spese del contribuente;
che si osservano detti stranieri trascorrere le loro giornate nell’ozio;
che in altre località stranieri in tale situazione vengono impiegati in attività utili alla comunità che li ospita;
ciò premesso, si chiede di sapere
se il sindaco non intende opportuno adoperarsi per proporre e sollecitare un contributo in termini di lavoro da parte dei suddetti stranieri attualmente a carico del contribuente.

Barbara Crimella
(Gruppo consiliare Ballabio Nostra)