Powered by WP Bannerize


“GUERRA SANTA” AD ALTA QUOTA? NON PER RELIGIONI MA COLPA DI… FACEBOOK ED ‘HATERS’ CONTRAPPOSTI

facebook odio hater

CROCE IN GRIGNETTA ABBATTUTA foto di Nadia MagnaniGRIGNA MERIDIONALE – All’origine di tutto non c’è Dio, ma Facebook. Si, è vero, ci sono due contrapposte fazioni, coloro che le famose bandierine colorate le applicano un po’ dovunque nelle nostre montagne e chi invece non le vuole appese alle croci. La croce divelta in Grigna è solo l’ultimo atto di feroci scambi nel popolare social network al punto che la specifica discussione nel gruppo “Amici del Grignone” è stata chiusa dall’amministratice proprio per interrompere polemiche arrivate a picchi di odio indecenti.

C’è in ballo pure una denucia. L’autore sta strappando le bandierine dovunque. È passato anche per il Due Mani, difendendo sul social la propria posizione intransigente. Per questo, un fautore delle preghiere tibetane lo avrebbe apostrofato al punto da sollecitare l’azione legale. Dietro a loro due, i partigiani di ciascuna fazione, in un indicibile crescendo.

CROCE GRIGNETTA ABBATTUTA E CALUMERIn questo bailamme ci è andato di mezzo il Calumer che aveva espresso la propria opinione sempre e solo sul social: a lui le bandierine deteriorate dal meteo non piacciono: “Diventano stracci, rovinano la bellezza della nostra montagna” spiega, senza per questo indietreggiare sulla contrarietà non tanto al simbolo ma al fatto che vengano applicate alla croce: “Perché non le mettono in pali a sè stanti? Le croci stanno lì da settant’anni, rappresentano la nostra religione”.

croce-grignetta-dopo-caduta-1Se per tutta una vita si frequentano quotidianamente delle montagne, vedendole in un certo modo, l’esteriorizzazione della globalizzazione nella religione a un quasi settantenne può suonare strana. Ma la sua contrarietà si ferma qui. E anzi, come sempre si attiva a sistemare i guai capitati nel ‘suo’ territorio. Col figlio Christian ha raddrizzato e riconficcato il simbolo cristiano dov’era. E ora stanno restaurando la madonnina vandalizzata. Non dei ‘paolotti‘, ma uomini di buona volontà.

L'immagine può contenere: 1 personaDall’altra parte qualcuno che non ha capito il profondo messaggio contenuto nelle preghiere delle bandierine tibetane: “Promuovono la pace, la compassione, la forza e la saggezza. Su di esse vengono stampati dei mantra, ecco perché sono appese all’aperto dove il vento può trasportare le preghiere di buona intenzione e compassione”, come ricorda Barbara Spazzadeschi, cultrice della cultura buddista e figlia del noto alpinista Flavio.

Per qualcuno invece le bandierine rappresentano una picozza piantata per appropriarsi delle montagne e non il ricordo della spiritualità emanata dalle vertiginose montagne asiatiche, rimasta dentro a molti visitatori di quei luoghi.

grignettaUn ricordo che diventa ascesi quando si arriva al confine tra cielo e terra anche dalle nostre parti, sollecitata dalla natura ancora abbastanza intatta sopra i mille metri di altezza. La stessa nella quale altri soggetti “contrapposti” pensano di sistemare le cose rispondendo con altrettanta idiozia – ovvero abbattendo i simboli della religione “originale”.

Ma altro che pace, su facebook luogo per eccellenza dove scivolare ad essere haters è più facile che inciampare sullo spartiacque della cresta Cermenati, la miccia della guerra si è accesa. Roba da fanatici che con la preghiera e il privato senso della fede e della meditazione non hanno niente a che fare.

CROCE E BANDIERINE COLORATE TIBETANE foto Davide Birillo Valsecchi

Condividi sui Social!